Novembre. Con le sue piogge e le giornate brevi e un po' tristi, ci notifica che l'inverno sta per arrivare. Come consolarci per la fine della bella stagione, delle passeggiate nel sole, delle lunghe giornate infinite? Semplice: scoprendo i doni (e sono tanti) che questo mese ci regala. Tra tutti ricordiamo la zucca perchè con il suo splendido colore e la sua bontà ci consola e ci fa stare bene.
Vediamo nel dettaglio: pochissime calorie (28 per ogni 100 grammi di prodotto pulito), tanto potassio, pochissimo sodio, tanta vitamina A. E un gusto che permette di sbizzarrirsi in cucina, dall'antipasto al dolce. Che vogliamo di più dalla vita?

Io la cucino così...

(Premetto che sono una cuoca ordinaria, che amo i piatti estremamente semplici, che la mia fantasia alla fine è piuttosto limitata e che pertanto non mi offendo se il vostro commento è: puah!)

Vellutata di zucca



Occorrente per 3 persone:

 Zucca pulita: 400 gr

Patate:  400 gr

Olio di oliva:  2 cucchiai

Aglio:  2 spicchi

Salvia:  3-4 foglie

Pane:  150 gr

Peperoncino:  quanto basta (se gradito)

Sale:  5 gr

Preparazione:

Tagliare la zucca a pezzetti e metterla in una teglia antiaderente con l'olio, l'aglio sbucciato, la salvia, il peperoncino e il pepe. Far cuocere per 15 minuti aggiungendo alcuni cucchiai di acqua bollente.
Nel frattempo lessare le patate con la buccia (ci vorranno dai 25 ai 40 minuti, dipende dalle dimensioni), scolarle e lasciarle raffreddare un po'.
Mettere la zucca nel frullatore dopo avere eliminato aglio e salvia  e ridurla a purea, poi rimetterla nella teglia di cottura (o in una pentola meglio se con fondo antiaderente). Fare lo stesso con le patate sbucciate. Aggiungere 1 bicchiere di acqua e riportare ad ebollizione. Controllare la densità (non deve assolutamente essere liquida), aggiungendo eventualmente qualche cucchiaio di acqua o lasciando bollire più a lungo.
Tostare il pane e suddividerlo a pezzetti piccoli nelle scodelle. Versare sopra la vellutata, completare con mezzo giro d'olio di oliva e parmigiano.

Buon appetito e alla prossima!

Salute castelfiorentino © 2014-2019